[28]

E’ un mondo strano. ci ritroviamo abbracciati stretti a sorridere e festeggiare notizie che dovrebbero essere non notizie. dovrebbero essere come il respirare, come la fame e la sete, come “una poltrona per due” la vigilia di natale. dovrebbero essere l’ovvio, la normalità. visto che però questa è la realtà, grazie corte suprema americana. grazie per aver reso supremo ciò che dovrebbe essere banale, dato un motivo per essere felici. tutti. o quasi. care teste di cazzo rassegnatevi, tutto questo va oltre voi. siete destinati a perdere, come è sempre successo. ci avete fatto fare tardi un paio di volte nel corso della storia ma poi, alla fine, quello che vi resta è l’immagine delle spalle delle persone normali, davanti a voi, già dentro il futuro che diventa presente.

Un pensiero su “[28]

  1. Pingback: alcuni aneddoti dal futuro degli altri | 29.06.15 | alcuni aneddoti dal mio futuro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...